Sermons

Summary: "L'amarezza è come bere veleno per topi e aspettare che il topo muoia." (John Ortberg Jr.). Contribuisce alla malattia fisica e non ci permette di sperimentare la pace che Dio vuole per noi. Vivi in pace con tutti. (Romani 12:18).

Amarezza (BITTERNESS)

"Lasciate che tutta l'amarezza e l'ira e la rabbia, il clamore e la calunnia siano messi via da voi, insieme a tutte le malizia. Siate gentili gli uni con gli altri, teneri, perdonati l'un l'altro, come Dio in Cristo ti ha perdonato". (Efesini 4:31-32)

L'amarezza è definita come rabbia e delusione per essere trattati ingiustamente. È un atteggiamento di rabbia e ostilità intensa e prolungata che è sinonimo di risentimento e invidia. Spesso, comporta anche sentimenti di risentimento e desiderio di vendetta. È il risultato del non perdonare qualcuno, il che fa crescere il dolore e la rabbia fino a quando il dolore e il risentimento non ferisce la visione della vita della persona.

Si verifica quando sentiamo che qualcuno ci ha tolto qualcosa che non siamo in grado di tornare. Ci a teniamo al male nel tentativo di ricordare a noi stessi e agli altri l'ingiustizia che abbiamo vissuto nella speranza che qualcuno ci salvi e ripristini ciò che abbiamo perso. Purtroppo, l'amarezza fa crescere solo il nostro senso dell'ingiustizia. Non fa nulla per guarire la ferita causata dall'ingiustizia. In effetti, fa sì che la ferita si infetti di rabbia. L'amarezza ha il potere di distruggerci dall'interno e può avere un impatto negativo su coloro che ci circondano in molti modi.

"L'amarezza è come bere veleno per topi e aspettare che il topo muoia." (John Ortberg Jr.). Alla fine, l'amarezza ci ucciderà fisicamente - perché può contribuire alla malattia fisica - o spiritualmente non permettendoci di sperimentare la pace che Dio vuole per noi. Più ci teniamo al passato fa male più ci ubriachiamo del nostro dolore e l'esperienza può derubarci della gioia che possiamo trovare in qualsiasi cosa. L'amarezza ti influenzerà fisicamente, emotivamente e spiritualmente perché il frutto dell'amarezza è un acido che distrugge il suo contenitore.

L'amarezza inizia in piccolo. Un'offesa si tana nei nostri cuori. Lo riproduciamo nella nostra mente, creando solchi profondi che saranno difficili da costruire. Rileviamo le nostre ferite a qualsiasi ascoltatore disponibile, incluso ogni dettaglio sordido. Chiediamo sostegno, spingendoci ulteriormente nel nostro risentimento. Sentiamo il nome e il cringe della persona offesa. Deciframo l'offesa come intenzionale e il nostro trasgressore pieno di dispetto. Cerchiamo altri motivi, sia reali che immaginati, per non apprezzare il nostro cattivo. Con ogni nuova informazione, formiamo un altro strato di amarezza. Ci illudiamo di pensare che nessuno lo saprà, ma la rabbia e il risentimento hanno un modo per insabbiarsi in tutto.

Una delle storie più note di amarezza nella Bibbia è la storia di Caino e Abele (Genesi 4:1-8). Caino viene consumato dall'amarezza per suo fratello e Dio, quando si sente ingiustamente trattato rispetto al suo prospero fratello Abele. Caino condanna Dio e uccide suo fratello per odio e pietà per se stesso.

L'amarezza è l'opposto del modo di pensare di Dio, e può portarci via da Dio. Gli Ebrei 12:15 dicono: "Fate in modo che nessuno non riesca ad ottenere la grazia di Dio; che non nasce alcuna "radice di amarezza" e causa problemi, e da essa molti vengono contaminati". È un peccato che può indugiare nella nostra vita e separarci da Dio; che toglie la santità e la tranquillità dalla nostra vita. Romani 12:19 ci comanda di non cercare vendetta, ma di lasciare che Dio vendichi.

"Se è possibile, per quanto dipende da te, vivere in pace con tutti." (Romani 12:18). Quindi come possiamo farlo? Come possiamo evitare che l'amarezza si muova nei nostri cuori? Come possiamo affrontare i nostri sentimenti invece di lasciarli crescere in amarezza? Come facciamo a sapere che abbiamo l'amarezza nei nostri cuori?

Di seguito sono riportati 7 segni che hai amarezza nel tuo cuore:

1. Senti rabbia ogni volta che senti il nome di una particolare persona.

Probabilmente tutti abbiamo sperimentato i nostri muscoli stringersi e i denti stringere quando sentiamo i nomi di certe persone. Anche se questo è previsto quando siamo stati feriti in modo sostanziale, è un segno che non abbiamo completamente perdonato la persona.

2. Riproduci una conversazione o un'esperienza più e più volte nella tua mente.

Che si tratti di una conversazione o di un'esperienza, fai qualcosa che è passato nel presente ogni volta che lo riproduci nella tua mente. Gesù è venuto a redimere i nostri passati, anche le parti che non sono il risultato del nostro peccato. Tuttavia, quando li riviveremo, non gli permetteremo di farlo. Dobbiamo fare ciò che l'apostolo Paolo ci dice in Filippesi 3:13: "Dimenticare ciò che c'è dietro e sforzarci verso ciò che ci aspetta".

3. Sei felice quando qualcun altro fallisce.

Celebrare la sfortuna degli altri è malizia ed è peccaminoso. La malizia dimostra che nutriamo amarezza nei nostri cuori.

4. Hai conversazioni immaginarie nella tua mente con qualcuno.

Conosciamo tutti le chiacchiere senza fine, o clamore, che si svolgono nella nostra mente quando siamo amareggiati verso qualcuno. Mentre romo ciò che vogliamo dire loro o ciò che avremmo voluto dire loro. Quando hai conversazioni immaginarie che non cessano, è un segno che sei amareggiato.

Copy Sermon to Clipboard with PRO Download Sermon with PRO
Browse All Media

Related Media


Cast Stones
SermonCentral
Preaching Slide
Cleanse Me
SermonCentral
Preaching Slide
Cleanse Me 2
SermonCentral
Preaching Slide
Talk about it...

Nobody has commented yet. Be the first!

Join the discussion
using System; using System.Web; using System.IO; ;